Il blog di Guido Vitiello

Il bello del capitalismo

leave a comment »

iphoneIl capitalismo, ovvero l’opera d’arte totale. Possibile? Tutti gli indizi puntano all’evidenza contraria, e cioè che il mercato sia nemico giurato dell’arte, che sia all’origine di una propagazione capillare del brutto. Con gli anatemi scagliati per due secoli, dai tempi di Ruskin a quelli di Adorno, si potrebbe mettere insieme una requisitoria micidiale, una lista sfiancante di capi d’accusa: la profanazione industriale della natura, le metropoli caotiche e asfissianti, l’invasione delle catene alberghiere e dei franchising commerciali che accomunano tutti i luoghi in una sola insignificanza, le cavallette devastatrici del turismo di massa, la paccottiglia kitsch prodotta in serie e rovesciata quotidianamente in grembo al mondo intero, l’inquinamento visivo dei cartelloni pubblicitari, il neon che rende spettrali piazze e monumenti… In breve, l’inferno estetico. Non sembra facile ribaltare una sentenza così ben motivata, ed è una ragione in più per incuriosirsi al nuovo libro nato dal sodalizio tra due saggisti francesi, il sociologo Gilles Lipovetsky e il letterato Jean Serroy. S’intitola L’esthétisation du monde (Gallimard) e descrive l’epoca del «capitalismo artista», un’epoca in cui i dominii dell’estetica e dell’economia si compenetrano come mai era avvenuto prima. Continua a leggere su La Lettura.

Written by Guido

giugno 2, 2013 a 8:26 pm

Pubblicato su La Lettura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: