Il blog di Guido Vitiello

Archive for the ‘Mani bucate’ Category

La trance ipnotica del fesso

leave a comment »

Hypnosis_0.jpg

Avete mai fatto caso all’aspetto di un uomo ipnotizzato da una solenne fesseria? È molto diverso dall’ipnotizzato comune, che si fa riconoscere all’impronta per le pupille dilatate, la mimica inerte, la mandibola cascante, la loquela rallentata e quasi impedita. Al contrario, l’uomo imbambolato dal pendolo ipnotico di una fesseria di solito parla moltissimo, saetta gli occhi, smania, si fa rubizzo, e ripete quella sua grandiosa balordaggine con il fervore di chi abbia trovato un mantra prezioso. Più si accalora, più possiamo star certi che è caduto nella trance ipnotica del fesso. Nessuno può dirsi al sicuro, specie dopo il 4 marzo, quando hanno preso a circolare cretinaggini dal potente incanto mesmerico. Ogni giorno vedo amici intelligentissimi capitolare davanti a due solenni scemenze, figlie di una premessa maggiore anch’essa scema. Ecco il mio schiocco di dita per risvegliarli. Leggi il seguito di questo post »

Written by Guido

aprile 21, 2018 at 5:44 pm

Pubblicato su Il Foglio, Mani bucate

Lettera a un abitante di Sirio sulla giustizia italiana

leave a comment »

Schermata 2018-04-21 alle 17.38.03.jpg

Caro filosofo che vivi su Sirio,

In uno dei pianeti che girano intorno alla stella chiamata Sole capita di leggere, come fosse la cosa più normale del mondo, parole come queste: “Una delle differenze principali in materia di giornalismo giudiziario tra l’Italia e altri paesi occidentali è la capacità della magistratura italiana rispetto a quelle estere di produrre notizie, scoop, fatti di interesse pubblico. Lo dico senza tema di smentite: non esiste una magistratura così potente e così capace di produrre notizie come quella italiana”. A parlare così è un cronista giudiziario terrestre, Marco Lillo, sull’ultimo numero di una rivista il cui nome, caro filosofo di Sirio, dovrà per forza suonarti familiare: MicroMega. Leggi il seguito di questo post »

Written by Guido

aprile 21, 2018 at 5:42 pm

Pubblicato su Giustizia, Il Foglio, Mani bucate

Il sorrentinismo è un momento del berlusconismo

leave a comment »

berlusconi-adotta-cinque-agnelli-e-li-porta-ad-arcore-la-scelta-animalista-p_05db3de6-1dea-11e7-bfcc-a9c3f8a75ab7_998_397_big_story_detail.jpg

Conosco un solo attore che avrebbe potuto interpretare Berlusconi in un film su Berlusconi, ed è Ugo Tognazzi; e un solo regista che sarebbe stato in grado di girarlo, Pietro Germi. Nel mio cast ideale, aggiungo, il ruolo di Emilio Fede sarebbe spettato di diritto ad Alberto Lionello; per Galliani avrei rasato a zero Adolfo Celi, e l’intuito mi dice che Paolo Villaggio sarebbe stato un ottimo Lele Mora. Ma sono tutti morti. Ne consegue che l’unico luogo in cui allestire un set come si deve per un film su Berlusconi è, al momento, l’oltretomba. Anche perché, qui nel mondo dei vivi, ci sono già uno sceneggiatore, un regista e un attore impegnati a tempo pieno nel work in progress del grande film su Berlusconi, e tutti e tre si chiamano Silvio Berlusconi. Finché lui sarà capace di tirar fuori scene come l’allattamento di un agnellino con il biberon, è inutile perfino tentare. Leggi il seguito di questo post »

Written by Guido

aprile 21, 2018 at 5:18 pm

Pubblicato su Cinema, Il Foglio, Mani bucate

La belva deve morire. Sciascia, Dupin, Moro

leave a comment »

5fab79a5fa49287e3bfc4ce877efe51a_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy.jpg

I detective dei romanzi polizieschi sono spesso filologi selvaggi e un po’ gradassi. Nigel Strangeways, l’investigatore creato negli anni Trenta da Nicholas Blake, si piccava di definire la sua arte “filologia applicata”, e paragonava l’indagine su un delitto al giro mentale che il latinista erudito deve compiere per sbrogliare la sintassi di un autore classico, rimettendo ogni parola al suo posto. Del resto, Blake era lo pseudonimo da giallista di un traduttore dell’Eneide, il poeta irlandese Cecil Day-Lewis. Anche il lettore di romanzi polizieschi esercita “una inclinazione filologica”, osservò Leonardo Sciascia negli Appunti sul ‘giallo’ del 1954, uno dei saggi ora raccolti nel Metodo di Maigret, prezioso volumetto curato per Adelphi da Paolo Squillacioti. Questa premessa tortuosa valga come scusa non richiesta per il mio piccolo esercizio di filologia abusiva e aleatoria: sperando che una mente più disciplinata possa trarne del buono. Leggi il seguito di questo post »

Written by Guido

aprile 21, 2018 at 5:16 pm

Pubblicato su Il Foglio, Mani bucate

Altre facce da tramandare ai posteri

leave a comment »

Schermata 2018-04-21 alle 16.59.21.jpg

Paesaggio dopo la battaglia elettorale: c’è da fare un primo inventario delle perdite, spazzar via le macerie, contare i cadaveri, soccorrere rapidamente i feriti e i mutilati. Quante roccaforti abbiamo perduto, quanti soldati delle nostre liste sono stati falciati dalla mitraglia popolare, quanti generali felloni bisogna processare e fucilare, quante truppe passeranno domani al nemico? Si procede grossolanamente, alla vien viene, per fosse comuni o pire funerarie allestite sul posto, com’è sempre in guerra. Ed è un peccato che sia così; perché se in mezzo a quella distesa di cadaveri ci fosse tempo e pazienza anche solo per qualche autopsia a campione, scommetto che un coroner ben addestrato saprebbe riconoscere in un lampo cosa accomuna i combattenti, vincitori e vinti, e cosa ha reso così inutilmente cruenta la battaglia: l’atrofia irrimediabile o la totale assenza (congenita, in molti casi; per asportazione chirurgica, in altri) di quella parte del cervello, qualunque essa sia, che presiede al modo di ragionare propriamente politico. Sta qui il vero trionfo, inavvertito e silenzioso, di quell’impresa per il resto molto chiassosa che ci attardiamo a chiamare antipolitica – e tanto ci abbiamo picchiettato, su quella parola, che dà ormai un rintocco fesso, pari solo alla fessaggine degli invasori da cui avrebbe dovuto metterci in guardia. Leggi il seguito di questo post »

Written by Guido

aprile 21, 2018 at 5:06 pm

Pubblicato su Il Foglio, Mani bucate

L’annegato, la mummia e il delitto quasi perfetto

leave a comment »

1311366-Émile_Zola_Thérèse_Raquin.jpg

Cos’è stata, la seconda Repubblica, se non una lunga variazione su Thérèse Raquin? Gli amanti Thérèse e Laurent si liberano dell’ostacolo alla loro unione illegittima, il marito Camille, affogandolo nella Senna. Ora potranno finalmente amarsi alla luce del sole. Ma il delitto è meno perfetto di quanto sembra. Più dell’amore, ormai, li tiene avvinti quel segreto mostruoso, un fantasma che li insegue fin nel talamo nuziale: “Gli assassini avevano voluto essere in due, la notte, per proteggersi dall’annegato”, scrive Zola, “e per uno strano effetto rabbrividivano di più da quando si trovavano insieme”. La vita coniugale è un inferno. Thérèse e Laurent spasimano d’angoscia, si guardano con sospetto, lanciano recriminazioni reciproche, arrivano a odiarsi al punto da volersi uccidere l’un l’altra. Il lettore avrà già decrittato da sé l’allegoria. Camille Raquin, l’annegato, è Bettino Craxi. L’amore adulterino finalmente consacrato è quello tra le due famiglie di superstiti del compromesso storico graziati dalle procure, i post-berlingueriani e la sinistra democristiana. Le convulsioni successive del Pd, fino al climax melodrammatico di questi giorni, derivano dall’essersi stesi nel letto coniugale senza aver fatto i conti con il fantasma dell’annegato. Perché con Craxi colava a picco non solo il socialismo liberale; s’inabissava, in un fiume fangoso, anche la residua dignità dei poteri elettivi, o diciamo pure la dignità della politica. Leggi il seguito di questo post »

Written by Guido

marzo 13, 2018 at 4:52 pm

Pubblicato su Il Foglio, Mani bucate

Il culto dell’incompetenza

with 5 comments

ralph_change_poster_by_dreamwatcher7.jpg

La chiave delle elezioni italiane del 2018 è sepolta in un libro francese del 1910 – e quale momento migliore della vigilia per soffiar via la polvere che si è accumulata tra le sue pagine. Basterà il titolo a convincere anche il lettore più scettico che la favola parla di noi, e di domani: Le culte de l’incompétence. È la migliore prefigurazione che io conosca di un’Italia fatta a immagine di quei buoni a nulla capaci di tutto a cui un ceto dirigente suicida, un mandarinato intellettuale corrivo e una stampa allegramente irresponsabile stanno spianando la strada. Il libro di cui parlo, e che raccomando agli editori di buona volontà, è opera di Emile Faguet, repubblicano e liberale conservatore, professore alla Sorbonne e allievo di Hippolyte Taine. Il clima politico della Terza Repubblica lo spinse a formulare una critica del principio democratico spinto alle estreme conseguenze, che culmina appunto nel culto dell’incompetenza. Leggi il seguito di questo post »

Written by Guido

marzo 13, 2018 at 4:43 pm

Pubblicato su Il Foglio, Mani bucate