Guido Vitiello

Trattamento radicale, prima che finisca male

leave a comment »

A Piergiorgio Welby, e alla straordinaria testimonianza che sta offrendo con la sua determinazione a rendere pubblica, dunque politica, la sua morte, voglio dedicare una vecchia canzone del cantautore (nonché radicale) Edoardo Bennato: Dotti, medici e sapienti, solco numero cinque del bellissimo Burattino senza fili, (1977), che rileggeva la storia di Pinocchio in chiave anarchica e scanzonata.

Chissà perché, mi torna in mente ogni qualvolta assisto alle surreali discussioni del nostro ceto politico lunare, dove s’invocano meta-commissioni fatte di luminari della medicina, bioeticisti, sacerdoti, filosofi e druidi, che dovrebbero stabilire consensualmente i confini esatti dell'”accanimento terapeutico” e indi deliberare sul caso Welby, come se avessimo un paio di millenni a disposizione… Insomma, tutti gli artefici del girotondo intorno al letto di un moribondo. L’esortazione finale a scappare suona un po’ derisoria, lo so, ma in qualche modo gli dedico anche quella.

E nel nome del progresso
il dibattito sia aperto,
parleranno tutti quanti:
dotti, medici e sapienti.

Tutti intorno al capezzale
di un malato molto grave,
anzi già qualcuno ha detto
che il malato è quasi morto.

Così giovane è peccato
che si sia così conciato,
si dia quindi la parola
al rettore della scuola.

“Sono a tutti molto grato
di esser stato consultato.
Per me il caso è lampante:
costui è solo un commediante”.

“No, non è per contraddire
il collega professore
ma costui è un disadattato
che sia subito internato”.

Al congresso sono tanti,
dotti, medici e sapienti,
per parlare, giudicare,
valutare e provvedere,
e trovare dei rimedi
per il giovane in questione.

“Questo giovane malato
so io come va curato
ha già troppo contagiato
deve essere isolato”.

“Son sicuro ed ho le prove,
questo è un caso molto grave:
trattamento radicale, quindi
prima che finisca male”.

“Mi dispiace dissentire,
per me il caso è elementare:
il ragazzo è un immaturo
non ha fatto il militare”.

Al congresso sono tanti,
dotti, medici e sapienti,
per parlare, giudicare,
valutare e provvedere,
e trovare dei rimedi
per il giovane in questione.

Permettete una parola, io non sono mai andato a scuola
e fra gente importante io che non valgo niente
forse non dovrei neanche parlare.

Ma dopo quanto avete detto, io non posso più stare zitto
e perciò prima che mi possiate fermare
devo urlare, e gridare, io lo devo avvisare
di alzarsi e scappare, anche se si sente male…
Vai, scappa! scappa!

Written by am

dicembre 15, 2006 a 12:36 pm

Pubblicato su guviblog

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: