Il blog di Guido Vitiello

La pornofotografa e il cardinale

leave a comment »

front-ok-melli.jpg

Roma, primi di febbraio del 1862: papa Pio IX riceve un misterioso plico. Contiene una serie di fotomontaggi osceni: la testa è quella di Maria Sofia, ultima regina consorte del Regno delle Due Sicilie, sorella minore di Sissi. Ma di chi è quel corpo nudo? Nel giro di un mese, gli autori del misfatto sono arrestati: una coppia di fotografi, Antonio Diotallevi e Costanza Vaccari. Quest’ultima chiede l’impunità in cambio di “rivelazioni” scottanti non tanto sui finti scatti, quanto sulle attività del Comitato nazionale filopiemontese di Roma. È la prima pentita della storia d’Italia, nello Stato pontificio. Nel 1982, profetico e pragmatico già allora, Mauro Mellini riesuma il caso e ne scrive il pamphlet storico Eminenza, la “pentita” ha parlato. Era un anno prima del caso Tortora e l’ex Radicale comincia già le sue riflessioni contro quello che definì “lo sciagurato e disinvolto ritorno al sistema dei pentiti”. A distanza di trentacinque anni dalla prima stesura, l’autore ritorna con una nuova edizione del saggio, rivisto nel titolo, nella forma e nella struttura, leggero e di facile lettura, in cui ribadisce le sue tesi lucide, di un’attualità sconcertante, interpretando come tritacarne una certa giustizia malata, costruita quasi esclusivamente sulle rivelazioni, vere o presunte, dei “pentiti”. Da Tortora, ai Buscetta di turno, passando dalla caccia alle streghe delle Br, fino ad arrivare alle chiare menzogne – riconosciute su più livelli – dei quattro dibattimenti sulla strage di Via D’Amelio, si alza forte il grido di condanna verso un fenomeno che ha finito per intossicare buona parte dei processi e ha portato lontana la scoperta di una già di per sé fragile verità.

Mauro Mellini, La pornofotografa e il cardinale. Storia di una pentita celebre e di un processo infame nella Roma di Pio IX, Bonfirraro 2017. La mia prefazione è alle pp. 5-12

Written by Guido

settembre 12, 2017 a 4:52 pm

Pubblicato su I miei libri

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: