Guido Vitiello

Come non eccedere nelle ridondanze pleonastiche di troppo

with 2 comments

Perché dire “procedura d’imbarco”, se l’imbarco è già in sé una procedura? Perché dire “situazione di emergenza”, quando basterebbe “emergenza”? Ecco, ripenso a questi folgoranti minuti di George Carlin tutte le volte che sento un sociologo o un filosofo parlare di “processo di modernizzazione”. Se è la modernizzazione, è ovviamente un processo. Altrimenti è la modernità. Semplice e inconfutabile. Ma “la gente aggiunge parole extra quando vuole che le cose sembrino più importanti di quel che sono”.

Tullio De Mauro la battezzò spiazzistica, o teoria del parlar difficile (TPD). Certo è che per i gerghi specialistici o presunti tali ci vorrebbe un bel processo di tosatura facciale di Ockham.

Written by Guido

febbraio 16, 2011 a 4:59 PM

Pubblicato su Deliri, Libri

Tagged with ,

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] Come non eccedere nelle ridondanze pleonastiche di troppo […]

  2. […] fa, invocando l’autorità di George Carlin, esortavo a non eccedere nelle ridondanze pleonastiche di troppo. Non sempre è facile, per carità: tenere la lingua o la penna a freno per alcuni è più […]


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: