Il blog di Guido Vitiello

Winnie the Pooh dai filosofi salvaci tu

with one comment

31992_1Che ci faccio qui? Se lo chiedeva il giramondo Bruce Chatwin, ed è forse la domanda filosofica per eccellenza; ma da qualche tempo i filosofi sembrano rivolgerla, più che all’uomo in quanto tale, a se stessi. Immaginate un cocktail party in cui uno degli ospiti, che si aggira incerto tra i tavoli nel timore di passare per intruso, si cavi d’imbarazzo intrattenendo i convitati con lunghi discorsi sulla nobiltà, la necessità e l’inesauribile bellezza di questo suo spaesamento, e così facendo diventi l’anima della festa. Ecco, qualcosa di simile vale per i filosofi e per la loro misteriosa capacità di radunare folle festivaliere intorno a questioni non proprio elettrizzanti, quali: che cosa significa filosofare oggi? Che ci faccio qui? Come scriveva Jean-François Revel nella sua spiritosissima Histoire de la philosophie occidentale, ormai «filosofare è giustificarsi di filosofare». A noi profani affetti da daltonismo filosofico o da quella che un tempo si sarebbe detta Hegellosigkeit, carenza congenita di Hegel, può sembrar strano che i filosofi siano tanto assillati dal capire in che consiste il filosofare. Continua a leggere su La Lettura

Written by Guido

aprile 21, 2014 a 1:10 am

Pubblicato su La Lettura, Libri

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Filosofia: commedia o tragedia ? O entrambe: tragicommedia? O nessuna delle due? Non so il Papini che cosa avesse da dire in proposito (ricordo che Croce una volta lo definì “genialoide e dilettante”, “infetto dalla luce dannunziana”), ma Platone, che di ironia e di filosofia se ne intendeva, e per un verso le vedeva connesse, per altro verso attribuiva alla filosofia il predicato della “deinotes” (la terribilità). Sarà un caso? Certo, quando mi capita di rileggere il Parmenide, o la Critica della ragion pura, o la Scienza della logica, insomma i libri di filosofia che conosco, devo ammettere che a vibrare, in me, non è mai la corda dell’ironia, del riso, del “superamento” satirico. Ma non è il caso di drammatizzare. Perché ridere e piangere son cose che possono avvenire nella vita. O a teatro. E la filosofia, per dirla con un filosofo contemporaneo, “non è un teatro”.

    p.s.: complimenti per lo “stile” del blog.

    Giulio Stefanelli

    luglio 14, 2014 at 2:22 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: