Il blog di Guido Vitiello

Yolocaust, Auschwitz e l’arte del cortocircuito (Mani bucate, 29)

with one comment

686bdc61df56b63ed860e29035bcb3ee.jpg

In attesa del Giorno della Memoria, ecco un piccolo elenco alla rinfusa di fatti diversi degli ultimi anni che nulla hanno a che fare con la memoria: giocare a Pokémon Go nel Museo dell’Olocausto di Washington; srotolare un’enorme bandiera con la svastica sul palazzo della prefettura di Nizza per promuovere un film; riprendere il nonno sopravvissuto e i nipoti che ballano I will survive davanti ai cancelli di Auschwitz e caricare il video su YouTube; disegnare i Simpson dietro al filo spinato; fotografare, oggi, i luoghi dello sterminio usando le stesse angolazioni delle vecchie immagini e poi aggiungere in sovrimpressione, come gli ectoplasmi nelle foto degli spiritisti ottocenteschi, le sagome dei deportati in casacca a strisce.

Quest’anno a scompigliare un poco il cerimoniale del Giorno della Memoria è arrivato Yolocaust – il titolo è un gioco di parole su Yolo, acronimo colloquiale che sta per You Only Live Once –, un progetto fotografico di Shahak Shapira, giovane artista e umorista israeliano che ha vissuto molti anni a Berlino. Per Yolocaust, Shapira ha pescato dai social network fotografie di visitatori del Denkmal di Berlino che fanno le cose più varie – saltano, ammiccano, praticano yoga, protendono sorridenti il selfie stick – e le ha combinate con immagini d’archivio dei campi di concentramento; di modo che quando ci si passa sopra il mouse, i turisti virano dal colore al bianco e nero e alle loro spalle appaiono distese di cadaveri. Il memoriale di Eisenman si presta da che esiste a esibizioni di ogni genere, ed è ironico che un luogo nato sotto l’insegna della retorica dell’irrappresentabile – un immenso reticolo astratto di blocchi grigi di cemento – sia diventato il set di una perenne rappresentazione.

Nell’idea di Shapira non c’è molto di nuovo, a meno di voler definire nuova la fusione di due cose vecchie di vent’anni: l’Autoritratto a Buchenwald dell’artista digitale inglese Alan Schechner, che aveva preso una foto di deportati in una baracca e ci aveva infilato la propria immagine con una lattina di Diet Coke in mano; e quel vario filone di critica culturale sul turismo nei luoghi della memoria che dai tempi di Schindler’s List ha ispirato saggi, romanzi e perfino qualche film – il mio preferito è il cortometraggio The Holocaust Tourist di Jes Benstock, l’ultimo di cui abbia notizia è Austerlitz di Sergei Loznitza, presentato l’anno scorso a Venezia.

Ma che cosa accomuna gli esempi sparsi del mio elenco – alcuni frivoli, altri serissimi – presi dall’arte, dalla pubblicità, dalle cronache di costume, dalle mode? Li accomuna il tentativo di creare una collisione tra presente e passato che inneschi, secondo i casi, shock, sensazioni perturbanti, scandalo, terrore, divertimento, sdegno, disgusto. Questo cortocircuito segue di solito due schemi, uno più rassicurante, l’altro decisamente meno. C’è lo schema che potremmo chiamare Forrest Gump – ci si intrufola nelle immagini dei campi di concentramento come Tom Hanks faceva capolino nei filmati in bianco e nero accanto al presidente Kennedy; e c’è lo schema Shining – dove è Auschwitz che viene a farci visita, squarciando per lampi improvvisi e violenti la trama della nostra quotidianità. Per una via o per l’altra, tra passato e presente non c’è modo di creare nessuna continuità naturale, bisogna forzarne l’incontro come si ravvicinano i lembi di una ferita da suturare. A molti questo vecchio arnese dell’avanguardia pare l’unico espediente per scuotere il lunghissimo e dilatato istante in cui le nostre vite ristagnano, anche grazie a un secolo di bombardamento sensoriale inaugurato appunto dall’avanguardia.

In tutto ciò, non ho ancora detto perché i miei esempi non hanno nulla a che fare con la memoria. È che, da quando mi sono messo a scrivere, l’ho dimenticato.

Il Foglio, 21 gennaio 2017

Written by Guido

gennaio 23, 2017 a 10:41 am

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. “ Giovedì 18 dicembre 1997 – Il sospetto che in « Auschwitz » ci sia comunque un « Witz ». “.

    acabarra59

    gennaio 23, 2017 at 2:06 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: