Guido Vitiello

Archive for the ‘guviblog’ Category

Superclassifica Show

leave a comment »

Anche quest’anno – e anche quest’anno in clamoroso ritardo – le mie classifiche dei libri letti nel 2006. Il meglio e il peggio. Sugli altari e nella polvere. Tutto sommato è stata una buona annata. Sentitevi liberi di pubblicare tra i commenti i vostri libri dell’anno!

Top five – Narrativa
1. Dostoevskij, I fratelli Karamazov
(in effetti bisognerebbe considerarlo un “fuori concorso”)
2. Perec, W. o il ricordo d’infanzia
(un piccolo capolavoro sulla memoria di eventi traumatici. Maestria letteraria che miete applausi)
3. La Rochelle, Le feu follet
(l’opera di un disperato autentico e radicale, tra tanti nichilisti queruli à la Cioran. Peccato fosse filonazista. Come il giovane Cioran, d’altronde)
4. Sciascia, Todo Modo
(si consiglia vivamente anche il film di Petri – soprattutto per il finale, e per Ciccio Ingrassia)
5. Kertész, Essere senza destino
(il libro-testimonianza su Auschwitz meno moraleggiante che io conosca – si sconsiglia, in questo caso, il film) Leggi il seguito di questo post »

Written by am

gennaio 7, 2007 at 12:39 PM

Pubblicato su guviblog

Guvi Book Award 2007

leave a comment »

Anche questo gennaio, come d’abitudine, eccovi le mie classifiche dei libri letti nell’anno appena finito. Triste annata, questo 2007, con ben poche letture fatte per puro piacere.

Dunque perdonate la vistosa preponderanza di libri che ruotano intorno ad Auschwitz e al romanzo poliziesco, i miei due assilli dell’anno trascorso. Propositi per il 2008: leggere meno, leggere meglio, tornare ai classici. E voi? Attendo le vostre classifiche!

Top Five – Narrativa
1. Michel Butor, L’Emploi du Temps
(Il miglior libro di uno scrittore quasi dimenticato, in via di riscoperta)
2. Jonathan Littell, Le Benevole
(Forse non è il capolavoro che si dice, ma tanto di cappello)
3. Cameron McCabe, The Face on the Cutting-Room Floor
(Vi immaginate James Joyce che scrive un giallo hard-boiled? Eccolo…)
4. Aharon Appelfeld, Badenheim 1939
(…e vi immaginate un libro di quasi-fantascienza sulla deportazione? Eccolo!)
5. Leonardo Sciascia, Candido ovvero Un sogno fatto in Sicilia
(Così, grosso modo, mi piacerebbe scrivere – se solo fossi in grado) Leggi il seguito di questo post »

Written by am

gennaio 5, 2007 at 1:10 PM

Pubblicato su guviblog

Trattamento radicale, prima che finisca male

leave a comment »

A Piergiorgio Welby, e alla straordinaria testimonianza che sta offrendo con la sua determinazione a rendere pubblica, dunque politica, la sua morte, voglio dedicare una vecchia canzone del cantautore (nonché radicale) Edoardo Bennato: Dotti, medici e sapienti, solco numero cinque del bellissimo Burattino senza fili, (1977), che rileggeva la storia di Pinocchio in chiave anarchica e scanzonata.

Chissà perché, mi torna in mente ogni qualvolta assisto alle surreali discussioni del nostro ceto politico lunare, dove s’invocano meta-commissioni fatte di luminari della medicina, bioeticisti, sacerdoti, filosofi e druidi, che dovrebbero stabilire consensualmente i confini esatti dell'”accanimento terapeutico” e indi deliberare sul caso Welby, come se avessimo un paio di millenni a disposizione… Insomma, tutti gli artefici del girotondo intorno al letto di un moribondo. L’esortazione finale a scappare suona un po’ derisoria, lo so, ma in qualche modo gli dedico anche quella.

E nel nome del progresso
il dibattito sia aperto,
parleranno tutti quanti:
dotti, medici e sapienti. Leggi il seguito di questo post »

Written by am

dicembre 15, 2006 at 12:36 PM

Pubblicato su guviblog

AutoBlografia, o meglio: autoanalisi (more freudiano) di un blogger

leave a comment »

Mi hanno invitato a partecipare – prima per scripta, su questo blog, poi per verba, alla fiera della piccola e media editoria “Più libri più liberi” – al Forum Come nascono le idee?, sul rapporto tra pagine elettroniche e pagine di carta.

Siccome non ho mai riflettuto granché sull’argomento, si è convenuto che io scrivessi in chiave del tutto personale del mio blog e del rapporto che intrattiene con il mondo dei libri. Forse per molti di voi saranno pagine prive di interesse, ma in fondo il guviblog sta per compiere quattro anni, e una sbandata autobiografica gliela si può concedere… Dunque, riporto qui di seguito quel che ho scritto per il Forum.

*****

Mi è parso, leggendo qualcuno degli interventi proposti finora, che il centro delle riflessioni sia non tanto dove nascono le idee, quanto piuttosto: una volta partorite – siano esse frutto di amori legittimi o illegittimi, nate per errore o per concubinaggio, o perfino orfanelle spaurite che si sono presentate chissà come alla nostra porta – che cosa farne? Affidarle alle cure di un collegio di consolidata e plurisecolare reputazione, quale è quello del libro a stampa, o radunarle in un blog e consegnarle così alla volatilità della parola elettronica, esposte al vento e alle intemperie? Qualcuno ha parlato di un percorso dallo schermo alla carta stampata; altri del tragitto inverso, dal libro al blog. Forse può essere di qualche interesse la testimonianza di uno che è rimasto incagliato a metà strada, con le orfanelle in braccio. Leggi il seguito di questo post »

Written by am

novembre 29, 2006 at 7:40 PM

Pubblicato su guviblog

Franco, Ciccio e l’areodjarekput

leave a comment »

Che cos’è l’areodjarekput? È una parola della lingua inuktitut, parlata dagli inuit dell’Artico. Il senso del Tingo, il dizionario delle parole più stravaganti del mondo, ne dà questa definizione: “Scambiarsi le mogli, ma solo per qualche giorno, e conservando il diritto ad avere rapporti sessuali con la propria consorte”. Ora, superato lo shock per la rivelazione dell’esistenza di civiltà superiori, vi chiederete cosa ha a che fare tutto questo con Franco e Ciccio.

È presto detto: nel film a episodi Mazzabubù… quante corna stanno quaggiù? (1971) di Mariano Laurenti, equivalente pecoreccio dell’Elenco analitico dei cornuti (1808) di Charles Fourier, il duo comico siciliano pratica per l’appunto l’areodjarekput. I due militanti monarchici e antidivorzisti Franco Bello e Ciccio Merendino (così si chiamano nell’episodio in questione) sono in cerca di espedienti per salvare l’istituzione del matrimonio, minacciata dalla legge sul divorzio appena entrata in vigore. S’imbattono allora in un baffuto intellettuale dedito al libertinaggio, che gli propone di “ampliare il concetto di famiglia… con un’altra famiglia: vivendo con la moglie di un altro, che a sua volta vive con tua moglie; così si diventa il marito dell’amante che è moglie dell’amante di tua moglie, potendo diventare anche amanti della propria moglie senza rompere il matrimonio”. Leggi il seguito di questo post »

Written by am

settembre 30, 2006 at 7:36 PM

Pubblicato su guviblog

Aldo Moro, il Signore del Gladio e le Brigate Rosacroce

leave a comment »

Avevo sempre pensato che spirasse una qualche aria di famiglia tra i dietrologi che interpretano tutti i misteri italiani, da Piazza Fontana al caso Moro, in chiave cospiratoria (il doppio Stato, il Grande Vecchio, le trame atlantiche e così via) e gli appassionati di complotti a sfondo esoterico nello stile del Codice Da Vinci, con tanto di Graal, Templari e Priorato di Sion.

Quel che proprio non credevo plausibile è che le due famiglie potessero mai trovare un punto d’incontro, o di fusione. Insomma, davo per scontato che (eccezion fatta per il caso assai anomalo di Giorgio Galli) si trattasse tutt’al più di “convergenze parallele”. Due libri, però, mi hanno costretto a ricredermi.

Il primo è Il quarto livello di Carlo Palermo – sì, proprio lui, il magistrato che negli anni Ottanta ha condotto inchieste su mafia, corruzione, traffico d’armi e droga, e che poi è stato parlamentare con la Rete di Leoluca Orlando. Nelle prime pagine, Palermo tempesta il lettore con una gragnuola di interrogativi allusivi:

Perché gli hutu e i tutsi si sono massacrati a vicenda in Ruanda? Perché altrettanto hanno fatto i popoli dell’ex Jugoslavia? Perché oggi si sparge il terrore a Parigi o a Beirut, ad Algeri o a New York, a Islamabad, a Karachi o a Gerusalemme? […] Perché in Canada e in Svizzera ancora si ricorre a macabri suicidi di massa, in nome di una setta religiosa che si ispira al vecchio Ordine dei templari…? Perché, alla soglia del terzo millennio la Chiesa ancora non spiega ai fedeli il terzo segreto di Fatima…? Perché ancora oggi non riusciamo a far piena luce sulle terribili stragi che hanno colpito l’Italia negli anni Settanta e Ottanta…? Leggi il seguito di questo post »

Written by am

agosto 29, 2006 at 7:33 PM

Pubblicato su guviblog

Un misconosciuto Bob Dylan sionista

leave a comment »

Leggevo ieri sul Corriere della Sera un’intervista al ministro degli Esteri israeliano Tzipi Livni, la prima donna a ricoprire quest’incarico dai tempi della racchiona Golda Meir, quando mi sono imbattuto in questa frase: “So che tanti nel mondo vogliono farci passare per i teppisti del quartiere”. Teppisti del quartiere. È pressoché certo che la Livni abbia usato l’espressione inglese neighborhood bully, a cui (l’ho verificato) ha già fatto ricorso in altre interviste nei mesi scorsi.

Ebbene, Neighborhood bully è il titolo di una canzone di Bob Dylan, un pugnace manifesto sionista scritto ai tempi della prima guerra in Libano, agli inizi degli anni Ottanta. Il “bullo del vicinato” di cui parla la non bella canzone è lo Stato di Israele, che tale appare agli occhi dei paesi arabi confinanti. Possibile che si tratti di un’espressione gergale usata abitualmente per definire Israele; non sono abbastanza addentro per saperlo. Vi trascrivo però parte della canzone (nella traduzione “canonica” di Alessandro Carrera), anche perché svela un volto poco noto di Dylan.

Tutti hanno in mente l’immagine oleografica e dolciastra del “menestrello della pace”, che canta contro la guerra in Vietnam e la bomba atomica. In realtà, canzoni sul Vietnam Dylan non ne ha mai fatte, e molti l’hanno rimproverato per questa latitanza; è un autore “impolitico”, che se parla di politica lo fa in un orizzonte messianico e apocalittico (secolarizzato, si dirà; ma non troppo). È quel che accade anche in Neighborhood bully, tramata da cima a fondo di immagini bibliche – e, per la cronaca, uscita sull’album Infidels.

Bullo del quartiere, cacciato via da ogni paese,
ha vagato in esilio sulla Terra.
La sua famiglia l’ha vista disperdersi, la sua gente inseguita e sbranata.
Sempre processato soltanto perché è nato,
è il bullo del quartiere. Leggi il seguito di questo post »

Written by am

luglio 26, 2006 at 7:30 PM

Pubblicato su guviblog

Soddisfatti o riesumati: due tombaroli insospettabili

leave a comment »

La mente umana è un portentoso barman: mescola nel suo shaker gli ingredienti più disparati e ne fa cocktail imprevedibili. Ecco l’ultimo che mi è stato servito, oggi stesso. Primo ingrediente: qualche giorno fa su questo blog citavo Norman Bates, protagonista di Psycho, e Dante Gabriele Rossetti, che acconsentì a disseppellire la sua amata per recuperare un manoscritto di poesie d’amore. Secondo ingrediente: è uscito nelle sale The White Diamond di Werner Herzog, il mio regista preferito. Terzo e ultimo ingrediente: ho cominciato a leggere un libro sul cinema e la malattia mentale, La mente altrove.

Questi tre ingredienti, agitati ben bene nel mio cerebro-shaker, mi hanno riportato alla memoria l’incommentabile (nel bene e nel male) racconto che Werner Herzog fece in un’intervista a Paul Cronin. In breve, il documentarista Errol Morris (autore del formidabile Mr. Death) stava facendo ricerche in lungo e in largo sui serial killer, e queste ricerche lo avevano portato a spendere qualche mese a Plainfield, nel Wisconsin. Racconta Herzog:

Errol era attratto dal posto perché era la cittadina dove Ed Gein, l’uomo che ha ispirato il personaggio di Norman Bates in Psycho, aveva vissuto e commesso i suoi delitti. (…) Si era fissato su una curiosità decisamente bizzarra: Ed Gein non solo aveva ucciso diverse persone, ma aveva anche riesumato dal cimitero cadaveri seppelliti di recente e ne aveva conservato la carne facendone un trono e un paralume. Errol scoprì che le tombe che aveva scavato formavano un cerchio perfetto, e che al centro del cerchio c’era la madre di Gein. E si scervellava per capire se Gein avesse dissepolto anche sua madre. Finché un bel giorno gli ho detto: “Errol, lo saprai solo se torni a Plainfield a scavare tu stesso. Se la tomba è vuota, Ed Gein è stato lì prima di te”. Decidemmo che saremmo andati a scavare insieme, ed eravamo piuttosto eccitati all’idea. All’epoca stavo girando un paio di sequenze di Cuore di vetro in Alaska, e sulla via del ritorno per New York ho attraversato il confine dal Canada e ho fatto una puntata a Plainfield. Ero lì ad aspettare Errol, ma lui si è tirato indietro e non si è mai presentato. In seguito ho capito che è stata la cosa migliore. A volte è molto meglio lasciare le domande senza risposta. Leggi il seguito di questo post »

Written by am

giugno 14, 2006 at 7:23 PM

Pubblicato su guviblog

Vattimo, Minimum fax e il VerdeUlivo mondiale

leave a comment »

“L’AVANA. – Il filosofo e ricercatore italiano Gianni Vattimo ha conquistato i cuori cubani con la sua conferenza nell’Istituto Superiore d’Arte, durante la quale ha confessato di sentirsi già cittadino cubano“. Cosa c’è di più comico di questo incipit, da un articolo comparso il 29 marzo sull’edizione internazionale di Granma, organo del regime castrista?

Ve lo dico io, cosa c’è di più comico: la pagina di ieri, 28 maggio, sulla Stampa di Torino, in cui Vattimo racconta il suo incontro con il Líder Máximo in persona; a ragione Christian Rocca lo definisce “il pezzo di letteratura più comico dai tempi di Wodehouse“. Basta leggerne un estratto:

Così, quando (…) sono stato ricevuto da Fidel (una domenica pomeriggio) per un colloquio privato, non ho dovuto fingere nulla, i miei sentimenti di ammirazione, devozione, vero e proprio “amoroso affetto” hanno potuto esprimersi liberamente. Castro (nella sua usuale uniforme verde oliva) mi ha abbracciato e io gli ho preso il viso tra le mani con qualche lacrima agli occhi. Leggi il seguito di questo post »

Written by am

maggio 29, 2006 at 7:08 PM

Pubblicato su guviblog

San Tommaso era un nerd

leave a comment »

Molti anni fa – quarantadue, per l’esattezza – Susan Sontag tentò di circoscrivere l’elusiva categoria del camp e di assegnarle confini certi entro un campo semantico conteso da molti altri monosillabi: kitsch, pop e via enumerando. Non era impresa facile, tant’è vero che ne sortirono le 58 proposizioni di Notes on Camp. Oggi l’esperto di fumetti Stefano Priarone tenta qualcosa di simile con una categoria non meno sfuggente: quella di nerd.

Anche qui c’è da destreggiarsi in un campo semantico sovraffollato, sul quale bivaccano paroline più segnaletiche che denotative: geek, otaku, bampa. Ma quel che emerge dalla lettura di Nerd Power è che l’eroe eponimo del volumetto è anzitutto un cultore: qualcuno che si dedichi a una passione (che siano i fumetti, la programmazione informatica o le serie televisive) in modo ossessivo, feticista, metodico fino alla pedanteria. Sacrificando sull’altare di questa passione le esigenze della vita reale, o direi più in generale del mondo fisico. Il nerd più famoso del mondo è Bill Gates, dunque è naturale che per molti la parola sia associata ai patiti dell’informatica… Ma che dire dell’eroe che ha fatto spesso capolino in questo blog, il giovane bibliomane?

Sotto molti aspetti, lo si potrebbe definire il gemello gutenberghiano del nerd. Le affinità tra i due tipi saltano all’occhio. Lui pure occhialuto e di colorito itterico, il biblionerd condivide con il suo analogo tecno-feticista un’altra caratteristica fondamentale: la sua corporatura si situa immancabilmente agli estremi dello spettro delle possibilità umane. Le grandi varianti sono due: Leggi il seguito di questo post »

Written by am

maggio 1, 2006 at 7:04 PM

Pubblicato su guviblog