Il blog di Guido Vitiello

Uomini in gabbia? Qualche argomento per l’abolizione delle carceri

with 5 comments

Quando si tratta di trovare soluzione ai problemi della vita associata, la specie umana oscilla inspiegabilmente tra genialità e dabbenaggine. Abbiamo inventato i viaggi in aeroplano, ma solo di recente siamo arrivati a concepire il trolley, i cui presupposti tecnici (recipiente di qualche tipo più ruota) c’erano già nel tardo Neolitico. Sono ormai le immagini satellitari ad avvisarci delle piogge imminenti, ma per ripararci non siamo riusciti a immaginare di meglio dell’ombrello, un utensile tutto spunzoni, impiccioso e potenzialmente omicida. Allo stesso modo, abbiamo edificato sistemi giuridici sontuosi e raffinati, ammirevoli per saggezza e capacità di accomodarsi alla varietà delle faccende umane, ma al momento di applicare la pena siamo ancora fermi al più grossolano dei rimedi: sbattere i nostri simili in gabbia. I posteri – sempre che il mondo non sia destinato a diventare una vasta prigione a cielo aperto – si meraviglieranno, c’è da giurarci, di questa lampante contraddizione. La scienza giuridica è giunta a distinguere con sottigliezza i diversi gradi della responsabilità, a codificare le sfumature dell’imputabilità, a delimitare i confini esatti del reato. Ma al momento di punire si va all’ingrosso: che ci sia colpa o dolo, che sia un delitto di sangue o un reato fiscale – sempre in gabbia si va a finire, e per il resto è solamente affare di computo d’anni o di mesi.

Si è detto: contraddizione, ma dovremmo parlare piuttosto di una spaventosa sproporzione. Una sproporzione che Silvia Cecchi, magistrato e giurista, riassume nel titolo del suo libro appena uscito, Giustizia relativa e pena assoluta (Liberilibri), una “decostruzione dell’istituto della pena carceraria” condotta dal punto di vista della filosofia del diritto. Non c’è simmetria tra il reato e la pena, che anzi si situano su piani incommensurabili. Il primo, che è sempre relativo, riguarda una regione delimitata dell’attività del colpevole; il carcere, al contrario, investe per intero la sua persona – la libertà, gli averi, gli affetti, la salute: è una pena assoluta.

Addestrati da una lunga tradizione casuistica a distinguere tra peccato e peccatore, tra errore ed errante, al momento di punire ce ne dimentichiamo, e con uno scambio metonimico che ha molto di primitivo riduciamo il criminale al suo crimine: l’autore di un furto diventa, ai fini della sanzione, un ladro punto e basta. Con quale logica? La sicurezza e la difesa sociale, si dice. Nel nostro ordinamento non è questo il fine del carcere; ma anche fosse, qualunque persona di senno dovrà constatare che i buoni motivi per tenere un uomo in gabbia – in gabbia! – sono davvero pochi. C’è poi la funzione retributiva, diciamo pure la vendetta legale, ma anche per questo la galera è soluzione rozza e indiscriminata.

Per abolire il carcere i tempi non sono maturi, anche se resta l’“utopia concreta” dei decenni a venire, come la battezzò un vecchio convegno radicale. Nel frattempo, Silvia Cecchi propone di immaginare pene che siano circoscritte come circoscritta è la condotta che si vuole punire: sanzioni intelligenti che colpiscano chirurgicamente il comportamento criminoso “avendo cura di mantenere attive e vitali le componenti della personalità del reo non implicate nell’atto compiuto”. Per questo ci vuole una buona dose d’immaginazione giuridica, e a Silvia Cecchi – che è anche poetessa e musicista – di certo non manca. A ben vedere, non dovrebbe essere dote così rara in un paese che ha per poeta nazionale l’ideatore del contrappasso. Eppure, il grande partito trasversale del “buttiamo la chiave” manca totalmente di fantasia. Come Marx immaginava un futuro fatto di macchine a vapore sempre più grandi, così i nostri forcaioli hanno un solo ritornello: costruire più carceri, e sempre più capienti.

Ma non ci aspettiamo che i legislatori siano toccati dalla Musa: ci basterebbe, intanto, che trovassero quel poco di ispirazione per dare al paese l’amnistia di cui ha disperato bisogno per tornare nella legalità.

Articolo uscito sul Foglio il 3 agosto 2011 con il titolo I buoni motivi per tenere un uomo in gabbia sono davvero pochi

Written by Guido

agosto 3, 2011 a 8:04 pm

Pubblicato su Carcere, Giustizia, Il Foglio, Libri

Tagged with

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] sanzioni intelligenti che colpiscano chirurgicamente il comportamento criminoso “avendo cura di mantenere attive e vitali le componenti della personalità del reo non implicate nell’atto compiuto”. E’ il meccanismo della legge del taglione o sbaglio? Si tratta di un semplice ritorno alle origini, ai versi della Bibbia. Un carcere come quello in Norvegia non potrebbe essere un modello da seguire (nonostante Breivk)? Logicamente tenendo ben presenti tutti i passi avanti che si dovrebbero compiere.

    carlovalentino

    agosto 4, 2011 at 12:21 pm

    • No, per carità, non si tratta di cavare un occhio a chi ha cavato un occhio. Ma per un reato economico, per esempio, perché non applicare (terribili, se è il caso) sanzioni economiche invece della gabbia? Perché non pensare a condotte che siano (materialmente o simbolicamente) riparatrici del male fatto? Ad ogni modo, nel libro di Silvia Cecchi si ipotizzano alcuni esempi, lo legga se ne ha voglia! (Chiaramente, per noi la Norvegia sarebbe già un’utopia).

      unpopperuno

      agosto 4, 2011 at 12:25 pm

  2. Parole di civiltà. Lo voglio leggere assolutamente. Grazie del consiglio

    stefano

    agosto 4, 2011 at 12:58 pm

  3. scusa come fai a dire che l’affermazione di Marx non fosse profetica?

    M. Proust

    agosto 7, 2011 at 4:01 pm

  4. In effetti, dove non si usano le distinzioni e il senso della proporzione a livello singolare c’è scarsa finezza, cosa che sul piano collettivo diventa mancanza di civiltà.

    ines

    agosto 8, 2011 at 12:02 am


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: